Neapolitan Day
Piazza Bellini, il ritrovo di molti giovani
30 novembre 2017
Scampia: spacciatori di libri
2 dicembre 2017

Neapolitan Day

Foto: Roberto Giannino

di Alessia Giannino

Napoli è una città davvero suggestiva e tantissimi sono i monumenti, castelli e musei da visitare.

Tre gli itinerari per chi vuole visitarla in un giorno.

Itinerario 1: storia e tradizione

Sicuramente affascinante è il Centro Storico ed è impensabile non fare una tappa nel cuore della città, dove profumi e tradizioni vi porteranno alla scoperta di Napoli. Al centro si erge il bellissimo Duomo, costruito nel ‘300: una delle Chiese più importanti della città, sia dal punto di vista artistico che dal punto di vista culturale. Al suo interno è possibile ammirare la reale Cappella del Tesoro di San Gennaro.

Addentrandosi nel vero e proprio centro della metropoli, d’obbligo è una passeggiata a San Gregorio Armeno, la via dei pastori, dove ci sono decine e decine di botteghe artigiane. Per tutti gli appassionati di storia, Napoli Sotterranea è la tappa principale. Le gallerie sottostanti la città, nel corso dei secoli sono state utilizzate in diversi modi. Nate in seguito all’estrazione di tufo per la costruzione della città, sono state, poi, adibite come acquedotto e come rifugio ai tempi della Seconda Guerra Mondiale. Tantissime le storie e le leggende che ruotano intorno alla città sotterranea, anch’essa piena zeppa di misteri e segreti.

Altra tappa fondamentale è il bellissimo Chiostro maiolicato del Monastero di Santa Chiara. Un vero gioiello che, nel corso dei secoli, ha subito diverse trasformazioni. Le decorazioni delle maioliche si devono agli artigiani Donato e Giuseppe Massa, che hanno armonizzato la policromia del Chiostro con tutti gli elementi architettonici e naturali circostanti. Un posto davvero incantevole, che vale la pena vedere. Arrivati a Santa Chiara, è impossibile non imbattersi nella famosa Piazza del Gesù, dove c’è l’omonima chiesa.

Itinerario 2: paesaggi mozzafiato

Il secondo itinerario è quello più paesaggistico. Impossibile venire a Napoli e non andare a visitare il Palazzo Reale, ubicato in Piazza Plebiscito. L’intero complesso, compresi i giardini ed il teatro San Carlo, si affaccia su Piazza Trieste e Trento, Piazza del Municipio e Via Acton, da dove è possibile vedere il mare. Subito dopo la visita alle stanze del palazzo si può scendere verso il quartiere Santa Lucia e proseguire per il Lungomare Caracciolo. Qui, in Via Partenope, c’è il Castel dell’Ovo, il più antico castello di Napoli. Il suo nome deriva da un’antica leggenda secondo la quale Virgilio nascose, nelle segrete dell’edificio, un uovo per “mantenere” in piedi l’intera fortezza. La sua rottura sarebbe legata alla fine di Napoli. Dal castello è possibile godere di uno dei panorami più belli della città. Ritornando su Via Partenope, la passeggiata continua. A Piazza Vittoria è possibile prendere un autobus, il 140, e arrivare sulla collina di Posillipo. Anche da qui il panorama è tra i migliori. Le alternative sono tre: è possibile sia fare un giro al Parco Virgiliano, sia scendere per Coroglio e visitare la Grotta di Seiano (rigorosamente di mattina, il sito archeologico chiude ad ora di pranzo), sia scendere a Marechiaro e fare un giro in barca, con annessa guida che vi racconterà diverse storie e leggende riguardo la costa partenopea.

Itinerario 3: città nuova

Il terzo ed ultimo itinerario vi porterà sulla collina del Vomero.

Castel Sant’Elmo è sicuramente uno dei castelli più belli di Napoli. Differente è il panorama che si può ammirare da sopra la collina: sembra, infatti, che, da lì, si possa controllare tutta la città. Proprio per questo motivo è sempre stato un possedimento molto ambito. È un castello medievale, oggi adibito a museo. Un tempo era denominato Paturcium e sorge nel luogo dove, nel X secolo, c’era una chiesa dedicata a Sant’Erasmo. Affianco al Castello c’è la certosa di San Martino, uno dei maggiori complessi monumentali religiosi della città e uno dei più riusciti esempi di architettura e arte barocca, insieme alla reale cappella del Tesoro di san Gennaro. Essa conta circa cento sale, due chiese, quattro cappelle, tre chiostri e giardini pensili. Dopo le visite è possibile passeggiare tranquillamente per le strade del Vomero, dove ci sono tantissimi negozi e la verdeggiante Villa Floridiana.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: