La chiesa di Pio Monte della Misericordia | LoveNaples
La chiesa di Santa Maria della Sapienza e la cappella della Scala Santa
13 marzo 2018
Pizza Tour, le migliori pizze di Napoli
14 marzo 2018

La chiesa di Pio Monte della Misericordia

Fonte: piomontedellamisericordia.it

di Chiara Scaramella

via dei Tribunali, a pochi passi dal Duomo di Napoli e nascosta tra gli innumerevoli palazzi che sorgono lungo la strada, si trova la chiesa di Pio Monte della Misericordia.

Di ispirazione barocca, è incastonata al primo piano del palazzo progettato da Francesco Antonio Picchiatti e  fa parte del complesso omonimo. Questo fu una delle principali istituzioni benefiche della città e comprende la chiesa, la quadreria, la biblioteca e l’archivio storico.

Complesso di Pio Monte della Misericordia

L’istituzione, di matrice cattolica, nacque intorno al 1602 durante il periodo della controriforma, per permettere le riunioni di sette giovani napoletani che operavano attività benefiche a Napoli. La struttura iniziale era costituita solo da una chiesa; poi, quando l’istituzione divenne più affermata e ricca, acquistando circa dieci palazzi attigui ad essa, la sede del Pio Monte venne totalmente ricostruita, abbattendo la chiesetta preesistente e costruendo numerosi altri spazi.

L’edificio religioso, posto al primo piano del complesso, essendo inglobato all’interno del palazzo, non ha una facciata esterna: per accedervi bisogna entrare nella struttura ed attraversare il portico finemente decorato da pilastri di ordine ionico e da un complesso scultoreo (posto sulla parete) raffigurante la Madonna della Misericordia.

La chiesa

La chiesa è costruita su pianta ottagonale ed è sormontata da una grandiosa cupola, la quale apporta una grande quantità di luce alla sala interna grazie alle finestre presenti su di essa. Questo elemento architettonico e le geometrie interne della cappella ricordano la struttura della Reale cappella del Tesoro di San Gennaro, posta a pochi passi dal complesso.

Ad ogni angolo di questa struttura esagonale vi è una cappella: in particolare, ci sono le maggiori, come quella dell’ingresso, quella posta frontalmente ad esso e le due laterali, e le minori, che, invece, si trovano negli angoli, interposte alle altre e sopra le quali si possono ammirare dei balconcini che fanno parte del secondo piano del complesso. Ognuna di queste cappelle laterali custodisce, al suo interno, un quadro raffigurante immagini di carità ed azioni benefiche.

Tra le tele più importanti ricordiamo: quella posta nella cappella maggiore di sinistra, ovvero la Deposizione ritratta da Luca Giordano, e “San Paolo che libera lo schiavo“, nella cappella minore posta subito sulla destra dell’ingresso, dipinto da Azzolino.

L’opera più importante custodita all’interno della chiesa, però, è sicuramente il quadro di Caravaggio che rappresenta le Opere di Misericordia. Questo, posto nella cappella maggiore che si trova proprio di fronte all’ingresso, si trovava già nella prima sede del Pio Monte della Misericordia e tale è la sua bellezza che i governatori dell’istituzione, nel 1613, vi applicarono una condizione che lo obbligava a rimanere nella cappella per la quale era stato commissionato, vietandone anche la cessione; successivamente venne posta una seconda clausola che ne vietava perfino la riproduzione. Il quadro venne commissionato durante il 1606 e venne pagato una cifra altissima per l’epoca: ben 400 ducati. L’opera caravaggesca, che domina il presbiterio della chiesa, esprime in modo eccelso il manifesto programmatico delle opere di carità effettuate dall’Istituzione del Pio Monte della Misericordia; raffigura, infatti, le sette opere di carità descritte nel Vangelo secondo Matteo, cioè le azioni necessarie per avere la misericordia ed entrare nel Regno di Dio:

  • Dar da mangiare agli affamati;
  • Dar da bere agli assetati;
  • Vestire gli ignudi;
  • Alloggiare i pellegrini;
  • Curare gli infermi;
  • Visitare i carcerati;
  • Seppellire i defunti.

Nello stesso presbiterio troviamo, nelle pareti laterali, un quadro raffigurante Sant’Anna di Giacomo di Castro ed uno raffigurante la Madonna della Purità appartenente ad Andrea Malinconico. Queste tre tele, poste ognuna su una parete della cappelletta, si trovano come a cingere lo splendido altare barocco.

La chiesa, ed in generale il complesso del Pio Monte della misericordia, merita assolutamente una visita per ammirare le splendide opere, pittoriche ed architettoniche, racchiuse al suo interno.

Indirizzo: Via dei Tribunali, 253

Come arrivare: Metropolitana Linea 1, fermata Dante oppure Museo / Metropolitana Linea 2, fermata Cavour

 Orari: lunedì – sabato 9.00 – 18.00 / domenica 9.00 – 14.30
 Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura.

Biglietti: Intero: € 7,00 / Ridotto: € 5,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: