I Tableaux Vivants di Caravaggio al Museo Diocesano di Napoli | LoveNaples

I Tableaux Vivants di Caravaggio al Museo Diocesano di Napoli

Marek Hamsik: uno slovacco napoletano ancora per poco?
23 maggio 2018
La Mostra d’Oltremare: ieri, oggi e domani!
23 maggio 2018

I Tableaux Vivants di Caravaggio al Museo Diocesano di Napoli

Fonte: laviadellabellezza

Con cadenza annuale ormai, il Museo Diocesano del Complesso Monumentale Donnaregina ospita la bellissima mostra dei Tableaux Vivants di Caravaggio.

Grazie al successo strepitoso riscosso negli anni scorsi, anche quest’anno l’iniziativa è stata rinnovata.

Il Complesso Donnaregina

Il complesso che, da solo, merita sicuramente una visita, è un luogo sito nel cuore del centro storico della città, composto dall’antico convento e dalle due chiese originarie, una medievale e l’altra seicentesca. È un unicum nel panorama culturale partenopeo: gli edifici più antichi, infatti, sono stati trasformati dalla ridondante decorazione barocca che, dopo il Concilio di Trento, ha invaso con intarsi marmorei, pareti e pavimenti a danno delle pitture precedenti, di epoca medievale.

Oggi, attraverso le originarie architetture e decorazioni, possiamo ritrovare rari esempi di storia dell’arte napoletana e dell’ordine francescano.

I Tableaux Vivants

Fonte: ambasciataditalia

Gli spettacoli dei Tableaux Vivants nascono nel 2006 da un progetto didattico della facoltà di Architettura dell’Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli. L’idea richiama la tecnica dei quadri viventi, nata nel Seicento, e prevede la composizione in scena, da parte di 23 attori, di 21 tele di Michelangelo Merisi, detto Caravaggio.

Il pittore nacque a Milano ma a Napoli trascorse un lungo periodo della sua vita; ne sono testimonianza diverse tele presenti in diversi musei della città, come “La flagellazione” al Museo di Capodimonte e il famosissimo “Le Sette opere della misericordia” al Pio Monte della Misericordia. A Palazzo Zevallos Stigliano, a Via Toledo, è conservato, invece, quello che è considerato l’ultimo dipinto del Merisi, il “Martirio di Sant’Orsola“, realizzato per Marcantonio Doria.

Gli attori, quindi, compongono le opere davanti al pubblico, senza interruzione, solo con l’ausilio di oggetti di uso comune e stoffe drappeggiate, con un unico fascio di luce ad illuminare la scena, riprendendo la caratteristica preponderante dei quadri di Caravaggio; il tutto è accompagnato dalla musica di Mozart, Vivaldi, Bach e Sibellius.

Come arrivare

Il Complesso Monumentale Donnaregina è situato nel Centro Storico, a pochi passi dal Duomo di Napoli, vicino al Porto Marittimo e alla Stazione Ferroviaria di Piazza Garibaldi; precisamente, l’indirizzo è Largo Donnaregina n° 22.

Metropolitana Linea 1 - Fermata Museo

Metropolitana Linea 1 - Fermata Università

Metropolitana Linea 2- Fermata piazza Cavour 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: