Gay Odin: cioccolata griffata | LoveNaples
Terme di Telese: relax nel beneventano
29 maggio 2018
Portici: la festa di San Ciro
30 maggio 2018

Gay Odin: cioccolata griffata

Fonte: City Lights News

di Alessia Giannino

Gay Odin è una delle cioccolaterie migliori di Napoli, nota soprattutto per il suo ottimo cioccolato foresta. Ogni giorno centinaia di persone acquistano i suoi prodotti e, da più di cento anni, restano soddisfatti per il sapore e la qualità di ogni singolo ingrediente.

La storia di Gay Odin

Isidoro Odin, all’età di ventitré anni, con un biglietto di sola andata e i risparmi messi da parte, emigrò da Alba (Piemonte) alla volta di Napoli. Era la fine dell’Ottocento quando si trasferì nella città che gli avrebbe dato notorietà e fortuna. Aveva una gran voglia di trovare qualcuno che apprezzasse le sue nuove combinazioni di sapori e Napoli, all’epoca, era una città in pieno fermento culturale, dove artisti provenienti da tutta Europa seppero apprezzare la sua arte. Isidoro entrò in perfetta unione con le bellezze e le tradizioni partenopee, che lo incantarono tanto da volersi stabilire nel cuore della città, nel quartiere Chiaia. Il profumo della cioccolata di Isidoro pian piano iniziò ad invadere le strade e, così, il giovane cioccolatiere decise di aprire la sua prima bottega, arredata in modo così particolare da attirare tantissime persone e da essere inserita nei locali storici d’Italia. Quando la sera il suo negozio chiudeva, Isidoro continuava a dedicarsi alla sua passione e sperimentava nuovi ingredienti e connubi. Tutti i prodotti che il giorno dopo erano esposti in vetrina erano il risultato della sua creatività.

Fu così che Gay Odin divenne sinonimo di cioccolato d’autore e la bottega divenne tappa obbligata per i borghesi e gli intellettuali della città. Isidoro trasformava le sue emozioni in piccole creazioni al cioccolato e fu proprio questo il motivo che lo rese famoso. Anzi, nonostante il successo aumentasse di giorno in giorno, seppe rimanere umile, mantenendo fede a ciò che aveva realizzato sin dal primo momento.

Un prodotto artigianale ed esclusivo: questo è ciò che Isidoro Odin e la moglie, Onorina Gay, lasciarono, negli anni Sessanta, alla famiglia Castaldi-Maglietta. Questo passaggio non è stato risentito minimamente dai clienti più fedeli in quanto, dopo più di cento anni, vengono ancora utilizzati ingredienti di qualità. Ancora oggi, per chi passa davanti alle cioccolaterie Gay Odin è impossibile rimanere impassibili.

Attualmente sono undici le botteghe Gay Odin: nove a Napoli, una a Milano e una a Roma. E, ora come allora, continuano ad essere tra i posti preferiti per chi ama il cioccolato e i suoi profumi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: