Arcos: il "museo vivo" del beneventano | LoveNaples
La leggenda del Diavolo di Mergellina
5 luglio 2018
Il Palazzo della Borsa e le sue contraddizioni storiche
5 luglio 2018

Arcos: il “museo vivo” del beneventano

Fonte: Itinari

Il Museo d’Arte Contemporanea Sannio, anche conosciuto come Museo Arcos, si trova a Benevento, in Corso Giuseppe Garibaldi, nei sotterranei del Palazzo del Governo. Questi, dopo essere stati utilizzati come rifugio antiaereo durante la seconda guerra mondiale, furono adibiti a deposito e solo nel 1999 Carmine Nardone, all’epoca Presidente della provincia di Benevento, ne promosse il recupero.

I lavori di recupero

I lavori ebbero inizio nel 2002 e l’obiettivo principale dell’intervento di rifunzionalizzazione degli ambienti nel piano seminterrato era proprio quello di dotare la città di un museo di tipo conservativo, che mettesse in mostra materiale fino ad allora mai mostrato al pubblico. Tale destinazione, poi, virò in altra direzione, concependo un’altra tipologia di polo museale, quello d’arte contemporanea, aggiungendosi ad altre eccellenti realtà presenti sul suolo beneventano, come il Museo del SannioPaleolab (Museo Geo-pPaleontologico di Pietraroia), Musa (Museo delle Macchina Agricole di Piano Cappelle) e Geobiolab (Museo delle Scienze Naturali a Pontecorvo).

Durante i lavori c’è stato un incremento delle superfici coinvolte, tra cui anche parte del piano terra con accesso dal Cortile di Via Annunziata, e l’ampliamento della libreria. Inoltre, il progettista ha ritenuto opportuno lasciare le volte e le mura in tufo così come erano, senza stendere un nuovo intonaco, in modo da conservare le murature con faccia a vista e mettere a nudo la grana e la tessitura di materiali. Per quanto riguarda la pavimentazione, è in calcestruzzo armato con fibre e rete elettrosaldata e trattamento superficiale in resine.

Il Museo Arcos è stato inaugurato nel 2005 e, da subito, è stato chiamato alla sua direzione il critico d’arte Danilo Eccher, sostituito nel 2012 da Ferdinando Creta. Attualmente il polo non ha una propria collezione, ma espone mostre tematiche temporanee con opere di artisti nazionali ed internazionali. Arcos è anche definito “museo vivo” in quanto è un centro di sperimentazione, luogo di confronto e bottega d’arte. Al suo interno si tengono conferenze, eventi e attività didattiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: